Questa è una traduzione automatica. Il messaggio originale è disponibile in Inglese.

Aggiornare

Anveo EDI Connect usa uno schema di versioning, dove abbiamo un maggiore, un minore e un numero di revisione, come 4.00.01 (Versione: 4, versione minore: 00, revisione 01). La procedura di aggiornamento è spiegata di seguito. C’è un articolo della knowledge base su come aggiornare il modulo in un sistema live esistente. L’aggiornamento della revisione del modulo è considerato sicuro, ma è comunque necessario testare il sistema dopo un aggiornamento.

In questa sezione mostreremo le istruzioni di aggiornamento basate sulla versione del modulo selezionato sopra. Assicuratevi di selezionare prima la versione corretta.

Prima di iniziare qualsiasi aggiornamento, assicurati di fare un backup delle mappature e degli oggetti EDI. Si prega di provare sempre prima una nuova versione in un ambiente di prova. Se si prevede di aggiornare un ambiente live, si prega di contattare il nostro supporto in anticipo, per assicurarsi che abbiano risorse disponibili in caso di bisogno di aiuto.

FOB-Installazione

Questa sezione non si applica se stai usando la versione Extension del nostro modulo per Business Central.

Se stai aggiornando da una versione precedente alla 1.47, controlla se esiste una tabella chiamata “EDI Version Branch” e cancella i dati della tabella e l’oggetto prima di aggiornare a una versione più recente.

Puoi importare i nuovi oggetti, ma fai attenzione a non sovrascrivere le tue personalizzazioni. Non è necessario importare la codeunit EDI Callback poiché esiste una seconda codeunit 5327313 EDI Callback - Template che viene fornita con Anveo EDI Connect. Se aggiungiamo una funzione alla codeunit EDI Callback, la aggiungeremo anche al template. Puoi semplicemente copiare le nuove funzionalità dalla codeunit del 5327313 EDI Callback - Template alla tua codeunit EDI Callback. La stessa codeunit callback EDI non è cambiata dalla 1.47 alla 4.00. Ma ci sono alcune nuove funzioni di aiuto disponibili per accedere ai parametri delle funzioni.

Se state usando i componenti di comunicazione remota, reinstallateli, nel caso siano cambiati.

Dopo un aggiornamento, esegui il comando di compilazione dall’ambiente di sviluppo per tutti gli oggetti EDI (ID oggetto da “5327300” a “5327399”). Se ottenete errori a causa di automazioni/.NET Dlls mancanti, potete ignorarli, se non avete bisogno della funzionalità:

  • Remote Communication
    • trasferimento di file via ftp/ftps, e-mail
  • ZUGFeRD
    • fatture speciali in PDF

Dopo aver aggiornato gli oggetti, aprite la finestra EDI Setup. Potrebbe essere richiesto di riavviare il client o di aggiornare i dati EDI mapping. Si prega di seguire le istruzioni sullo schermo. Se state usando un NAS (NAV Application Server) potreste anche doverlo riavviare.

A seconda dell’aggiornamento, ci potrebbero essere anche molte nuove proprietà nelle mappature EDI. Le mappature EDI si aggiorneranno automaticamente, ma è necessario controllare ogni mapping dopo l’aggiornamento.

Si prega di fare riferimento a questa sezione se si ottiene una versione più recente degli oggetti e della documentazione per controllare se ci sono ulteriori passi richiesti.

Testare il modulo dopo un aggiornamento

Dopo ogni aggiornamento, dovresti assicurarti che le mappature EDI si comportino ancora come previsto. Se ci sono modifiche alle API o se il convertitore si comporta diversamente (solo nei grandi aggiornamenti), le documenteremo nel nostro changelog. Non ci aspettiamo alcun problema dopo un aggiornamento minore o di revisione, ma abbiamo solo una quantità limitata di casi di test. È vostra responsabilità assicurarvi che il modulo si comporti correttamente dopo un aggiornamento.

Raccomandiamo vivamente di provare ogni aggiornamento in un sistema di prova prima di aggiornare un sistema reale. Un aggiornamento diretto di un sistema vivo comporta sempre il rischio che le interfacce EDI non funzionino più correttamente. Se i dati EDI sono critici per il business, questo deve essere preso in considerazione nello scenario di aggiornamento. Tutte le interfacce rilevanti dovrebbero essere controllate in un sistema di test e ci dovrebbero essere piani su come passare alla versione precedente se dovessero verificarsi difficoltà impreviste.