Anveo EDI Connect / Config / Come iniziare / Installazione del modulo
Questa è una traduzione automatica. Il messaggio originale è disponibile in Inglese.

Installazione del modulo

In questa sezione descriviamo l’installazione di Anveo EDI Connect per Microsoft Dynamics NAV 2009R2 Classic. Si prega di seguire i passi nell’ordine indicato. Se si desidera effettuare l’upgrade, consultare la sezione relativa all’upgrade. Alla fine di questo capitolo è disponibile una lista di controllo dell’installazione.

Importazione degli oggetti

Questa sezione è rilevante solo se non si utilizza l’estensione. Si prega di cambiare la piattaforma in Microsoft Dynamics 365 Business Central per ottenere l’aiuto per l’estensione Business Central.

Prima di poter utilizzare Anveo EDI Connect, si prega di importare i file oggetto Microsoft Dynamics NAV 2009R2 Classic. Andate nell’Object Explorer (Shift+F12) e scegliete “Importa” dalla barra dei menu.

Dovrete importare due file. Iniziamo con l’importazione degli oggetti principali.

In questa fase, non si dovrebbe incontrare alcun conflitto di oggetti. Gli ID degli oggetti sono in un campo riservato al modulo Anveo EDI Connect.

Importare il file FOB-File per la vostra versione di Dynamics NAV. Le cartelle contenenti gli oggetti sono state denominate secondo la versione Dynamics NAV. Inoltre è possibile trovare la versione Dynamics NAV nel nome del file.

Nella fase successiva importeremo il menu suite.

Potrebbero esserci conflitti tra il nostro modulo e gli altri moduli per quanto riguarda i numeri oggetto di menu suite. Assicuratevi di eseguire il backup delle vostre menu suites esistenti, prima di importare gli oggetti Anveo EDI Connect.

Il FOB-File contenente le menu suites è chiamato come gli oggetti principali con il suffisso MenuSuite. Importare il file corrispondente alla versione Dynamics NAV. Assicuratevi di aprire il foglio di lavoro Importazione rispondendo “No” alla domanda se importare tutti gli oggetti. Dovrete importare solo una delle menu suites fornite e saltare le altre.

Remote Communication Add-In

Questo passo è facoltativo. È necessario installare l’add-in solo se si desidera utilizzare il gestore di comunicazione remota per lo scambio di file basato su FTP/SFTP o SMTP/POP3. È necessario installare i componenti sul service tier e sulle macchine di sviluppo, dove si desidera poter compilare gli oggetti.

Per il cliente classico i componenti devono essere installati su ogni mashine che dovrebbe utilizzare i componenti di comunicazione remota. In altre parole su ogni macchina di amministrazione e sviluppo, così come sul NAS.

Avviare il programma di setup fornito nella cartella di installazione e seguire le istruzioni. Il programma di installazione si trova nella cartella Optional_Installers.

Compilazione degli oggetti

Questa sezione è rilevante solo se non si utilizza l’estensione.

Ora dovrete compilare gli oggetti importati. Si prega di filtrarli nell’Object Explorer impostando un filtro nella Lista delle versioni con il valore “ANVEDI*”. Premere il pulsante “All” sul lato sinistro dell’Object Explorer. Selezionare tutti gli oggetti (Ctrl+A). Compilare gli oggetti (F11). Se non è necessario utilizzare il trasferimento remoto dei file (FTP/SMTP/POP3, …), è possibile ignorare eventuali errori sulle seguenti codeunits: EDI Remote Comm. Automation e EDI Remote Comm. .NET. I moduli aggiuntivi mancanti sono opzionali. Si potrebbe essere in grado di utilizzare i componenti, se sono correttamente installati sul service tier. Per poterli compilare, devono anche essere installati sulla macchina di sviluppo. Lo stesso vale per le unità di codifica delle unità codeunits ZUGFeRD.

Apertura della finestra di configurazione EDI

Si prega di riavviare il vostro cliente Microsoft Dynamics NAV 2009R2 Classic. Utilizzare la ricerca per aprire la pagina di EDI Setup.

Ora dovrebbe essere possibile visualizzare il menu Anveo EDI Connect. Aprire la finestra EDI Setup dal menu:

Departments / Administration / Application Setup / Anveo EDI / Settings / EDI Setup

Risoluzione dei problemi

Se non trovate le opzioni del menu, controllate se gli oggetti sono stati importati correttamente e se la vostra licenza Dynamics NAV vi dà accesso agli oggetti Anveo EDI Connect. Potete anche provare a ricompilare tutte le menu suites e a riavviare il service tier. Potete trovare maggiori informazioni nella sezione di risoluzione dei problemi della licenza.

Importazione della chiave di licenza

Prima di utilizzare Anveo EDI Connect è necessario impostare la chiave di licenza. Andare alla scheda Licenza nella finestra di configurazione EDI. Troverete il vostro numero di serie Dynamics NAV e ilcompany name Dynamics NAV per le vostre informazioni. Vi forniremo la licenza sulla base di questi valori. Se non avete già ricevuto una chiave di licenza, vi preghiamo di inviarci una richiesta che includa questi due valori. La chiave di licenza dovrebbe avere questo aspetto: XYZZ-12GH-I89L-JJJHHK-KKKJZ. Inserire il tasto nel campo License Key . Se la chiave è valida, i campi di sola lettura saranno compilati automaticamente con i dati della licenza. Se la licenza non è vincolata ad un company name specifico dellcompany name, si dovrà inserire un filtro per la società di licenza.

Schermata: Impostazione EDI - Inserisci il filtro per le aziende con licenza
Schermata: Inserisci un filtro per le aziende con licenza

Possiamo anche fornire una Partner License Key che consente di utilizzare la licenza del cliente mentre si ha la licenza di sviluppo importata nel sistema. O in altre parole, se la chiave di licenza del cliente non corrisponde al numero di serie del Dynamics NAV, verificherà il numero di serie del Dynamics NAV rispetto alla chiave del partner. La chiave ha lo stesso formato e può essere inserita nella Partner License Key campo.

Schermata: Impostazione EDI - Inserire la chiave di licenza del partner
Schermata: Inserire la chiave di licenza del partner

Supporto EDIFACT

Se prevedete di utilizzare il nostro modulo per la conversione di EDIFACT, dovrete importare i dati generali di EDIFACT e le versioni EDIFACT richieste. Descriviamo i passi necessari nella sezione successiva EDIFACT Standards.

Avviso sui cookie di WordPress da parte di Real Cookie Banner