Anveo EDI Connect / Config / Argomenti avanzati / Ottimizzare le prestazioni
Questa è una traduzione automatica. Il messaggio originale è disponibile in Inglese.

Ottimizzare le prestazioni

Anveo EDI Connect è costruito per avere mappature flessibili che possono essere modificate in fase di esecuzione. La funzionalità principale è sviluppata completamente in Microsoft Dynamics NAV 2016, con tutti i vantaggi e gli svantaggi. Tutte le impostazioni sono memorizzate nel database e devono essere recuperate in fase di esecuzione per determinare come il modulo gestirà i dati EDI.

La velocità del modulo dipende fortemente da un modo veloce per il Service Tier di recuperare le proprietà EDI. Per ogni campo letto o scritto da un file, il modulo dovrà ottenere una serie di impostazioni dal database per gestire correttamente i dati. Questa operazione viene eseguita su un singolo core della CPU del service tier. È quindi importante che il service tier disponga di un numero sufficiente di CPU single core, di una connessione veloce al database e di risorse sufficienti sul server SQL e sul service tier.

Eseguire i test delle prestazioni

Quando si avvia un progetto con un carico EDI elevato o si desidera importare file di grandi dimensioni, si consiglia di impostare la mapping dell’importazione senza tutti i dettagli e di eseguire test delle prestazioni. Potete anche contattare il nostro supporto per chiedere se il vostro scenario può essere gestito in modo sicuro con il modulo o se dovete prima testarlo.

Tabella Serrature

Ogni mapping viene eseguito nella propria transazione di database e può bloccare le tabelle utilizzate all’interno del mapping. Mantenere le mappature il più possibile veloci e piccole aiuta a ridurre i blocchi delle tabelle utilizzate all’interno della mapping.

Abbiamo ottimizzato le tabelle del nostro sistema per essere utilizzate da più processi EDI in parallelo. Tuttavia, questo non vale per le nostre tabelle di buffer, che, come qualsiasi altra tabella, possono essere bloccate da una mapping. Si consiglia pertanto di eseguire i processi EDI il più possibile in serie e di evitare il più possibile l’esecuzione in parallelo.

Se i blocchi si verificano principalmente sulle nostre tabelle buffer, ad es. Il documento ANVEDI, può essere utile pensare a tabelle di buffer proprie per i processi con un’elevata quantità di dati.

I blocchi delle tabelle sono un problema soprattutto nelle normali operazioni diurne, quando gli utenti attendono le risorse e carichi diversi possono portare a comportamenti diversi. Se il processo lo consente, si consiglia di programmare i lavori EDI di notte o, ad esempio, all’ora di pranzo, per ridurre il carico sul sistema.

Ottimizzazioni Mapping

Alcune proprietà hanno un impatto sulle prestazioni della mapping. In generale, si dovrebbe cercare di evitare i loop non necessari. Se si importano dati, la maggior parte dei convertitori controlla la struttura dei dati recuperati per ogni riga di tabella in modalità di scrittura. Se si imposta il numero minimo di ripetizioni sulle tabelle di scrittura, si possono ottenere prestazioni migliori se si sa che i dati saranno presenti nel file. (E se si ottiene un file danneggiato, il modulo darà comunque un messaggio di errore, perché il ciclo non può essere convertito).

È necessario importare nelle tabelle buffer solo i dati utilizzati per l’ulteriore elaborazione dei dati o per l’utente per individuare e comprendere gli errori. L’importazione di dati che non hanno alcun valore per l’utente finale e che non vengono utilizzati in seguito nel processo avrà un impatto negativo sulle prestazioni.

La riduzione del numero di righe nella mapping può migliorare le prestazioni.

EDIFACT

Nelle mappature di importazione è possibile eliminare dalla mapping qualsiasi elemento di dati non utilizzato. Il modulo avrà bisogno solo delle informazioni sul segmento. Ogni elemento di dati memorizza una posizione nel file, quindi la rimozione degli elementi precedenti a quello necessario non modificherà l’elaborazione. L’unico svantaggio di questo approccio è che si potrebbe dover aggiungere nuovamente l’elemento, se si ha bisogno di elaborare i dati in futuro. Se si inseriscono tabelle nei gruppi EDIFACT, è necessario impostare la ripetizione minima sulla tabella, se il gruppo è obbligatorio.

Nelle esportazioni è possibile eliminare qualsiasi elemento di dati che non contiene un valore. Il modulo scriverà automaticamente nella posizione corretta se mancano alcuni dati e velocizzerà l’intera mapping.

TESTO

Spesso è possibile ridurre il numero di righe nella mapping di un file di testo, se alla fine della riga è presente una struttura non necessaria. Invece di leggere tutti questi campi, si potrebbe usare una singola riga di mapping per leggere tutto fino alla fine della riga, se non è necessario elaborare le informazioni.

Avviso sui cookie di WordPress da parte di Real Cookie Banner